Archivio della categoria: Senza categoria

PROGETTO SWADHYAYA – LA NOSTRA BIBLIOTECA

Allievi e soci di Ashtanga Yoga Modena ASD, da gennaio 2018 inizia il Progetto Swadhyaya: avrete a disposizione una piccola biblioteca sullo Yoga. Libri che potete prendere in prestito per 1 mese. Chiediamo un’offerta libera perché si possa aiutare il centro di recupero e ricerca dei manoscritti vedici a Melkote, città vicina a Mysore. Potete vedere nel video sopra il loro incredibile lavoro di restauro, trascrizione, traduzione ed archivio di queste preziose informazioni che servono a tutti noi che ci interessiamo per la cultura vedica e per lo Yoga.
Per più informazioni, contattare Alessandra Ferri e Giulia Paganelli le responsabili per il noleggio dei libri. Diamoci un altro appuntamento per vedere il documentario del mio amico Andrew Eppler, Mysore Traditions e conoscere meglio il lavoro di recupero dei manoscritti.

Per più info:

https://www.mysoreyogatraditions.com/

https://samskrti.org/research-projects-underway/

SUGGERIMENTI PER INIZIARE

SuggerimentiSuggerimenti per iniziare:

Non mangiare nelle 2-3 ore prima della lezione.
Portare il proprio materassino e un piccolo asciugamano.
Usare abbigliamento comodo come leggings e canotte per le donne e pantaloncini de cotone e t-shirt per gli uomini. Evitare al massimo l’abbigliamento sintetico.
Non entrare in sala con le scarpe, portafoglio, borsa, cellulare o qualunque cosa possa interferire la propria pratica, ma principalmente quella degli altri.
Se possibile, farsi una doccia prima della lezione o lavarsi piedi e mani.

Per la 1a lezione, troverete dei tappetini disponibili perché possiate sfruttare al meglio di quest’occasione, ma è necessario alla fine della lezione pulire il tappetino e metterlo dello stesso luogo dove lo avete trovato.

Il modo migliore per mantenere il tappetino pulito è spruzzare dell’acqua miscelata con olii essenziali di proprietà disinfettanti ed antifungiche, come ad esempio limone e tea tree nel dosaggio 20 gocce/1 litro d’acqua. Utilizzare un pano spugna bagnato e spruzzare questa miscela sul tappetino dopo la pratica. Asciugare all’area aperta se possibile.

Tappetino

YOGAMO 2016: una giornata di Yoga, Pilates, Gong e Karate in beneficenza

Dopo la massiva partecipazione di tanti yogi e yogini l’anno scorso, vi presentiamo YOGAMO 2016 in favore di Time4Life International perché la nostra pratica e spirito di solidarietà possa continuare ad aiutare tanti bambini. Segnate la data nella vostra agenda: SABATO 5 MARZO ci saranno 6 lezioni di Yoga, 1 lezione di Pilates, 1 bagno di Gong e 1 allenamento di Karate in uno dei luoghi più belli della città: ESPO, dove potete arrivare in bici o direttamente in treno se venite da altre città. Tutti gli insegnanti sono volontari e questa raccolta fondi sarà donata totalmente al beneficiario. È un’occasione per aiutare il prossimo e per provare i diversi metodi di Yoga con solo insegnanti certificati! Partecipate e passate parola!

Yogamo 2016

DOVE: YOGAMO 2016 si terrà presso la palazzina delle ex poste, a fianco della stazione dei treni. L’edificio, realizzato a metà del 1900, è stato rinnovato ed è un luogo di accoglienza turistica, di cultura e valorizzazione del capitale umano e di promozione dell’eccellenze del nostro territorio.
Molto comodo per chi viene in treno. È possibile raggiungere le istallazioni direttamente dal binario 1, camminando verso sinistra o da Via dell’Abate, 66, la palazzina rimane a destra della stazione.
Chi non ha ancora acquistato gli ingressi, chiediamo di arrivare con almeno 20-30 minuti di anticipo per l’iscrizione e pagamento.
C’è la possibilità di mangiare qualcosa veloce o un piatto vegano caldo presso il ristorantino “Io Veg” all’interno della stessa struttura.
Portate con voi il vostro tappetino (ci sono circa 20 tappetini a disposizioni dei principianti) e un piccolo asciugamano. Chi partecipa al Bagno di Gong alle 16.30 deve portare una coperta o plaid, calze e felpa perché la sessione di svolge sdraiati nel tappetino ed è naturale sentire un po’ più freddo quando si sta fermi. Comunque i locali sono ben scaldati e ci sono i bagni e spogliatoi per cambiarsi.
Spero vedervi numerosi!

Leggete l’articolo su Il Resto del Carlino di Modena:

Articolo

Dettagli delle lezioni del mattino DALLE 8.30 ALLE 13.00:

Questa parte della giornata è stata dedicata ai metodi più dinamici e gradualmente il ritmo rallenta fino alle 16.30 con il Bagno di Gong.  Presentiamo gli insegnanti che guideranno le lezioni del mattino:

8.30 Anusara Yoga con Lucia Landi
9.30 Ashtanga Vinyasa Yoga con Isabella Furtado
11.00 Metodo Parinama (Hatha Yoga) con Massimo Provasi
12.00 Yoga Bioenergetico con Lino SambucoYogamo 2016 Mattino

Dettagli delle lezioni del pomeriggio DALLE 13.30 ALLE 18.30:

Metodi meno dinamici, escluso l’allenamento di Karate che è invece molto dinamico e specifico.

13.30 Pilates con Francesca Pasquariello
14.30 Hatha Yoga con Mirna Valentini
15.30 Iyengar Yoga con Roberta Gavioli
16.30 Bagno di Gong con Caterina Caizzone
17.30 Incontro di Karate con Francesco Cuoghi della Palestra Nenryukan Formigine

Yogamo 2016 pomeriggio

I nostri sponsor:

CRCIO VEG MENU logo

Pausa invernale e nuovi corsi nel 2016

Corsi

La Yoga Shala Modena rimarrà chiusa dal 24/12 al 10 gennaio 2016. Dopo questa lunga pausa, riapriremmo con nuovi corsi di Hatha Yoga con Isabella e un nuovo metodo: Vinyasa Flow tutti i giovedì dalle 20.30 alle 21.30 con Paola Orlandi. Inoltre, una volta al mese ci sarà una speciale lezione di Yoga Dinamico con Lucia Landi & Sarangi (istrumento indiano) con Lorenzo Mantovani. Venite a provare e lasciatevi trasportare della vibrazione della musica dal vivo!

Nel frattempo, continuate la vostra pratica personale per mantenere vivo lo Yoga che è in voi. A breve sarà pubblicato il programma del 2016 con tutti i nuovi corsi.

Isabella e Massimo augurano buone feste e un felice 2016!

 

Intervista completa a Danny Paradise, insegnante di Yoga, su Resto Del Carlino Modena

Prima Pagina Resto Del Carlino Modena 2 sett

Prima Pagina Resto Del Carlino Modena 2 sett

RestoDelCarlinoDanny

Pagina 15 Resto Del Carlino Modena 2 sett

Una chiacchierata con Danny Paradise, insegnante di Ashtanga e rappresentante nel mondo di questo metodo dinamico di Yoga.

Chiara Mastria

Chiara Mastria

di Chiara Mastria

Come e quando ha cominciato a praticare Ashtanga Yoga?

DP – Ho iniziato a studiare Ashtanga Yoga a Maui, nelle Hawaii, il 2 maggio 1976 con i primi adepti occidentali e insegnanti delle pratiche, David Williams e Nancy Gilgoff. Ho studiato con loro per 5 anni. Quando ero un adolescente studiavo arti marziali ed ero un atleta. Un giorno un mio amico di Yoga più grande di me mi disse che erano arrivati in città due giovani insegnanti di Yoga ​​e che avrebbero fatto una dimostrazione di Ashtanga. A quei tempi nessuno aveva mai sentito parlare di questa pratica. David e Nancy hanno fatto una dimostrazione avanzata incredibile, mostrando estrema forza, flessibilità ed equilibrio. Il giorno dopo, in uno splendido parco ombreggiato, 35 persone hanno iniziato la pratica con loro. Quel giorno ero in un bagno di sudore dopo appena 10 secondi nella prima postura che ci hanno insegnato. Mi sono reso conto che si trattava di qualcosa di completamente nuovo per me, molto profondo e potente… ho continuato le pratiche da allora – per 39 anni. Ho anche studiato con il maestro indiano di questo stile, Sri K Pattabhi Jois, nel 1978 e nel 1980 in California e alle Hawaii.

Perché lo Yoga è così apprezzato nei paesi occidentali?

DP – Penso che Ashtanga Yoga sia apprezzata in tutto il mondo quando è insegnato correttamente e con attenzione. La gente vede risultati incredibili e cambiamenti positivi nella propria vita: il sistema immunitario è rafforzato, migliorano salute, energia e vitalità così come la forza, l’equilibrio e la flessibilità. Molte condizioni possono essere guarite: stress, ansia e le tensioni vengono eliminate. Chi pratica Ashtanga entra in profondità nel Presente. Impara le pratiche evolutive e i suggerimenti dei nostri antenati, che si occupavano di aiutare le persone a condurre vite il più creative, salutari e tranquille possibile. Imparare le discipline di esplorazione dello Yoga aiuta ad aprire la mente, ad aumentare la percezione, l’intuizione e modi di vedere oltre la realtà ordinaria… Tutto lo Yoga opera in questo modo, cercando di sintonizzare i sensi delle persone con il flusso e il potere della natura. Ashtanga Yoga contiene aspetti più concentrati delle pratiche dello Yoga. Aiuta anche a coltivare l’indipendenza e la libertà di esplorare le pratiche per conto proprio, dopo aver studiato per un periodo di tempo. La pratica aiuta a rilassare la mente e crea l’opportunità di aumentare la concentrazione, la meditazione e la comunicazione con la propria anima e con la Grande Anima. Si tratta di antiche pratiche sciamaniche profondamente connesse con l’anima. In altre parole … Yoga funziona! È davvero possibile ottenere un quadro più ampio…

Hai insegnato anche a molte celebrità come Madonna e Sting. Che approccio hanno allo Yoga?

DP – Amano le pratiche di Ashtanga Yoga e hanno grande rispetto per lo Yoga. Tutti i più noti personaggi, artisti, musicisti a cui ho insegnato erano studenti eccellenti e già abbastanza disciplinati quando li ho incontrati. Per sopravvivere nella vita in generale e soprattutto nel mondo dello spettacolo per tanto tempo bisogna avere salute, lucidità e vitalità. Lo Yoga nella mia esperienza è un fondamento per la vita; se si lavora alla base allora si stanno creando più opportunità e una maggiore chiarezza per la vita personale e l’arte. Per dirla in un altro modo, è possibile gestire le opportunità che ci vengono incontro e affrontare le sfide della vita con maggiore energia e responsabilità.

Sappiamo che ha insegnato anche a Luciano Pavarotti. Come è successo? Quindi, se si considera che Pavarotti ha fatto yoga con voi, chiunque può farlo, giusto?

DP – ho incontrato Luciano Pavarotti e Nicoletta Mantovani attraverso un buon amico di Luciano, il sorprendente flautista classico Andrea Griminelli. Andrea è considerato il più grande flautista classico del mondo e ha girato spesso con Luciano. Nel corso degli anni ho lavorato con Sting e sua moglie Trudie e ho incontrato Andrea Griminelli, che era anche un loro grande amico. Andrea ha studiato yoga con me a casa di Sting e Trudie in numerose occasioni. Gli piacevano le pratiche e un giorno ha suggerito un incontro con Luciano e Nicoletta per vedere se volevano imparare Yoga. Poco dopo sono andato nel loro appartamento di New York per mostrargli le pratiche. Ci siamo visti diverse volte nelle loro numerose visite a New York e in Europa.

Le pratiche di Yoga e Ashtanga Yoga possono essere insegnate a chiunque,  da un insegnante esperto e sensibile. Tutto può essere modificato per soddisfare ogni condizione fisica e psicologica degli studenti. Luciano ovviamente aveva una straordinaria comprensione del respiro, che in realtà è l’essenza delle pratiche dello Yoga classico. Aveva alcune limitazioni evidenti, soprattutto a causa di un problema all’anca del momento, ma è stato in grado di imparare i movimenti di base e alcuni dei principi delle pratiche. Era anche entusiasta e un uomo molto dolce. Quindi, per rispondere alla tua domanda, chiunque può imparare le pratiche Yoga, a qualsiasi età fisiologica o condizione emotiva.

Qual è la tua giornata tipo?

DP – Viaggio e insegno Yoga in tutto il mondo dal 1979. Quando non sono in viaggio vivo nelle isole Hawaii, in una remota foresta pluviale. La maggior parte dei giorni della settimana pratico il Pranayama per 40 minuti al mattino, che è una serie di esercizi di respirazione. Dopo una pausa faccio un’ora e mezza, due ore di pratica Asana basata sulle sequenze di Ashtanga Yoga. Pratico Kung Fu e incorporo alcuni dei movimenti e delle posture del Kung Fu nella mia pratica Yoga. Suono anche la musica, compongo canzoni e faccio spettacoli. Di solito lavoro sulla musica ogni giorno. Dopo la mia routine quotidiana, se sto insegnando seguo la mia classe. In caso contrario, se non sto insegnando e sono a casa mi godo i potenti doni della natura in cui vivo – nuoto ogni giorno in mare, lavoro in giardino o nella giungla.

Cosa ne pensi dello stile di vita contemporaneo?

DP – Quale stile di vita? Io propongo di passare quanto più tempo possibile nella natura. Quando posso stare immerso nella natura per lunghi periodi di tempo la mia forza vitale aumenta e questo mi rende più semplice viaggiare, esplorare nuovi paesi e insegnare. Lo stile di vita contemporaneo urbano  più in generale non è qualcosa in cui passo tanto tempo. Anzi, incoraggio le persone a trascorrere più tempo nella natura. Allo stesso tempo, ci sono persone di talento che vivono benissimo nelle zone urbane. Ci sono enormi nuove comunità di persone che apprendono lo Yoga e cambiano il loro stile di vita in modo positivo affrontando la sfida di invecchiare con vitalità, chiarezza, salute e creatività. Del resto, dobbiamo iniziare a lavorare tutti insieme per ripulire il casino che sta accadendo intorno a noi. Le grandi città sono tossiche in molti modi: inquinamento, stress, ansia e paura… Tutti elementi che accorciano la vita. Ma le soluzioni per questi problemi esistono. Se le persone continuano a vivere in luoghi urbani giganti, se si incontrano e applicano le loro conoscenze e la saggezza, le città possono cambiare radicalmente in positivo. Le soluzioni sono chiare e semplici. Ad esempio, i giardini sul tetto sono una rivoluzione oggi nei centri urbani. Insegnanti particolarmente intelligenti stanno cominciando a costruire giardini nelle scuole, in modo che i bambini possano imparare a coltivare il proprio cibo… Molte città in tutto il mondo stanno pulendo i loro fiumi e i corsi d’acqua dopo aver capito di non avere scelta. Costruiscono bellissimi parchi e giardini intorno ai fiumi e la natura risponde! Questo è l’inizio di una guarigione profonda. Per consentire alle persone di sopravvivere, la natura deve essere purificata dai danni che l’umanità stessa le sta infliggendo.

Qual è il più grande insegnamento che ha ricevuto dallo Yoga?

DP – Certamente come creare la pace, la tranquillità e la forza vitale di ogni giorno. Come manifestare i miei sogni, come prendermi cura della mia salute e del mio benessere, come tentare di invecchiare con grazia, energia e chiarezza per imparare a comunicare con Gaia – la forza vitale della natura. Lo Yoga porta anche indipendenza, libertà, autorità e responsabilità personale. Per me lo Yoga è stato uno strumento evolutivo, e lo è ancora: è una  continua evoluzione senza fine.

Questa è la seconda volta che la scuola Ashtanga Yoga Modena organizza un suo workshop qui. In Italia siamo soliti dire che c’è sempre una terza volta, dopo la seconda. Così, quando verrà a trovarci di nuovo?

DP – Tornerò appena posso! L’Italia è un paese meraviglioso con gente vivace, una storia fenomenale e una natura bellissima… mi muovo in tutto il mondo viaggiando, insegnando e suonando. Io cerco di tornare spesso in luoghi incantevoli con una comunità crescente di amici che stanno esplorando le pratiche ancestrali ed evolutive dello Yoga. Isabella Furtado di Modena è un’eccellente, dolce, dedicata, professionista entusiasta e insegnante di Ashtanga Yoga. Sono molto felice che lei mi abbia invitato a tornare a Modena!

Pace e benedizioni,

Danny Paradise